Associazione per Santo Stefano in Ventotene ONLUS

Attività organizzate dall'Associazione a Ventotene (2016-2021)

Attività organizzate dall’Associazione a Ventotene (2016-2021)

Aggiornato al 30 giugno 2021

 

Nei suoi primi anni di vita l’Associazione si è posta un duplice obiettivo:

–  promuovere iniziative dirette a favorire il recupero e la valorizzazione dell’ex carcere borbonico di Santo Stefano attraverso un’azione di stimolo e proposta nei confronti delle istituzioni competenti e una sensibilizzazione dell’opinione pubblica;

–  promuovere attività culturali e artistiche finalizzate alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e ambientale delle isole di Ventotene e Santo Stefano.

Oltre ai numerosi incontri istituzionali, programmi televisivi e articoli di stampa che l’Associazione ha promosso, trovate qui elencate le principali iniziative organizzate:

Convegno “Quale futuro per Santo Stefano. Riflessioni e proposte per il recupero e la valorizzazione di una piccola isola del Mediterraneo” (Ventotene, Centro polivalente “U. Terracini”, 11 giugno 2016)

Il convegno, organizzato in collaborazione con l’Istituto Affari Internazionali (IAI) con il patrocinio del MIBACT e del Comune di Ventotene, si è proposto di offrire spunti di riflessione e suggerimenti operativi attraverso relazioni di esperti, testimonianze su progetti analoghi realizzati altrove e una tavola rotonda con i rappresentanti delle principali istituzioni interessate. Sono state presentate cinque relazioni sulle principali finalità di recupero del complesso carcerario e sei testimonianze su casi studio.

Una sintesi delle principali proposte emerse dal convegno è stata inviata al Tavolo istituzionale su Santo Stefano.

Convegno “Santo Stefano e Ventotene. Alcune proposte per il futuro” (Ventotene, Centro polivalente “U. Terracini”, 9 settembre 2017)

 Scopo dell’incontro, patrocinato dal Comune di Ventotene e a cui hanno partecipato esperti dell’Associazione e rappresentanti istituzionali, è stato di:

  • presentare al pubblico e alle istituzioni interessate una proposta di iniziative di studio, ricerca e formazione sui temi europei da sviluppare a Ventotene e in prospettiva a Santo Stefano;
  • presentare al pubblico e alle istituzioni interessate una ipotesi di progetto per il recupero e la destinazione d’uso del complesso carcerario;
  • fare il punto, con una tavola rotonda a cui hanno preso parte i rappresentanti istituzionali, sullo stato di attuazione e le prospettive dell’iniziativa governativa su Santo Stefano, dopo la firma del Contratto Istituzionale di Sviluppo del 1° agosto 2017

Una sintesi delle principali proposte emerse dal convegno è stata illustrata e depositata agli atti del Tavolo permanente su Santo Stefano in un’audizione tenutasi alla Presidenza del Consiglio nel febbraio 2018.

Mostra fotografica “Santo Stefano. Storia di un ergastolo” 

 La mostra, curata da Antonio Parente con il patrocinio del Ministero della Giustizia e del Comune di Ventotene, è composta da otto pannelli bifacciali di 2 per 0.75 metri che raccontano la storia di Santo Stefano attraverso foto, disegni, stampe e riproduzioni illustrate da didascalie.

Inaugurata l’11 giugno 2016, la mostra è attualmente ospitata su base permanente in una delle sale del Museo archeologico nel Palazzo comunale di Ventotene e rappresenta un’utile introduzione alle visite al complesso carcerario.

Festival letterario “Gita al faro” 

L’Associazione è dal 2017 l’ente promotore del festival , tra le più importanti manifestazioni culturali dell’estate ventotenese, organizzato con il patrocinio del Comune per la direzione artistica di Loredana Lipperini.

Il festival, giunto nel 2021 alla 10° edizione e affermatosi per il suo format innovativo di residenza artistica, ospita un gruppo di scrittori e scrittrici per una settimana sull’isola. Ciascuno scrittore, oltre a presentare al pubblico nel corso della settimana la propria opera più recente, ha il compito di scrivere un racconto inedito ispirato a Ventotene e a Santo Stefano. I racconti sono letti nel Giardino archeologico del Comune nella serata conclusiva e pubblicati dalla casa editrice Ultima Spiaggia di Ventotene. L’edizione del decennale ha visto la presenza di dieci scrittori, per la prima volta anche originari di altri paesi. Gli oltre 60 racconti composti nel decennio saranno pubblicati in un unico volume dal titolo “L’isola delle storie”.

Progetto “Meridiana d’Unione”

 Meridiana d’Unione è un’installazione ideata dall’artista Eugenio Tibaldi in occasione dei 60 anni dei Trattati di Roma, che si vorrebbe realizzare a Ventotene sulla Terrazza dei Granili.

La riproduzione dei disegni e del bozzetto dell’opera in un numero limitato di esemplari e la traduzione in inglese dei testi di corredo sono state rese possibili da un contributo dell’Associazione. Alcune copie sono state donate a Merkel, Hollande e Renzi in occasione del vertice del 22 agosto 2016 sulla nave Garibaldi a Ventotene e successivamente, il 27 maggio 2017, alla Presidente della Camera Boldrini in occasione di una pubblica cerimonia davanti al Municipio di Ventotene.

L’opera vera e propria dovrebbe essere realizzata in accordo con il Comune, se saranno reperite le necessarie risorse finanziarie.

Progetto “Isole della memoria” 

L’Associazione ha costituito un apposito Gruppo di lavoro sui bandi europei, che nel corso del 2018 ha sviluppato e aderito al progetto “Isole della memoria” sul confino politico durante il periodo fascista e la detenzione nelle isole pontine di Ventotene e Santo Stefano. Il progetto – presentato dal Centro di ricerca e documentazione sul confino e la detenzione del Comune di Ventotene nell’ambito del Programma della CE Europa per i cittadini – Asse Memoria europea – ha lo scopo di divulgare la storia degli anni della detenzione politica attraverso percorsi guidati, materiali didattici e attività di ricerca e documentazione. L’Associazione ha aderito come partner insieme all’Università Statale di Milano, all’Istituto Parri e ad ECCOM – Idee per la cultura.

 Presentazione libri

L’Associazione ha promosso l’8 luglio e l’8 settembre 2017 a Ventotene due presentazioni del libro di Pier Vittorio Buffa Non volevo morire così. Santo Stefano e Ventotene. Storie di ergastolo e di confino (Ed. Nutrimenti).

Il 9 settembre 2018 ha promosso la presentazione del libro “Biografia di una prigione. L’Ergastolo di Santo Stefano in Ventotene” (secc. XVIII-XX) a cura di Anthony Santilli.

Spettacolo teatrale “Bresci chi?”

 L’Associazione ha promosso il 9 settembre 2018 la rappresentazione dello spettacolo teatrale “Bresci chi?” a cura del Teatro degli Zingari di Genova sulla figura di Gaetano Bresci, rinchiuso a Santo Stefano e morto in circostanze mai chiarite.

Workshop su Santo Stefano, 25 giugno 2020

Incontro sulla piattaforma zoom con il Commissario straordinario del Governo Silvia Costa, per condividere spunti e idee per il progetto di recupero e valorizzazione dell’ex carcere di Santo Stefano e per ascoltare da lei lo stato dei lavori. Oltre a molti soci, al collegamento hanno partecipato diversi esperti: professori universitari, artisti, museologi, architetti, giornalisti e rappresentanti di istituti e associazioni interessati al progetto.

Convegno “L’esperienza di Eugenio Perucatti a Santo Stefano: tra passato e presente” (Ventotene, Centro Polivalente “U. Terracini”, 26 giugno 2021

Il convegno è stato organizzato in collaborazione con l’Università degli studi RomaTre e con l’Archivio storico-Centro di ricerca e documentazione sul confino politico e la detenzione – Isole di Ventotene e Santo Stefano. Nell’occasione è stata presentata la riedizione del volume scritto da Perucatti nel 1955 “Perché la pena dell’ergastolo deve essere attenuata”. All’evento hanno partecipato tra gli altri la Ministra della Giustizia Marta Cartabia e la Commissaria straordinaria Silvia Costa.  Eugenio Perucatti ha diretto l’ergastolo di Santo Stefano dal 1952 al 1960. Vent’anni prima della legge di riforma carceraria del 1975 attuò con successo a Santo Stefano un trattamento penitenziario sperimentale volto al ravvedimento e alla rieducazione dei detenuti. 

Translate »